FAQ

Di seguito ho cercato di rispondere ad alcune delle domande più frequenti che i clienti si pongono per dare una panoramica iniziale il più dettagliata possibile sulla realizzazione di un sito web.

Quanto costa un sito web?

Questa è la classica prima domanda.

Purtroppo però è una domanda alla quale nessun web designer può rispondere su due piedi, questo perchè i siti web non sono tutti uguali, ed è impensabile stabilire un prezzo a priori, dato che per ognuno di essi ci sono delle variabili in gioco.

Per rispondere con onestà a questa domanda, è sempre meglio incontrarsi, elencare ciò di cui il cliente ha bisogno e tutti i dettagli possibili. In questo modo potrò elaborare la richiesta ed inviare un preventivo dettagliato.

Quanto tempo serve per realizzare un sito web?

Dipende da alcuni fattori.

Dalla tipologia di sito da realizzare e da una serie di altri fattori che ne influenzano la complessità, ma diciamo che personalmente, una volta che il cliente fornisce tutti i contenuti necessari, tra progettazione e sviluppo un sito web “vetrina” viene messo online in circa un mese. Occorre invece più tempo per siti più complessi o siti e-commerce).

Devo firmare qualcosa?

Mi piace lavorare in maniera chiara e trasparente, in modo da assicurare la massima tutela e garanzia ad entrambe le parti.

Se deciderai di accettare il preventivo, dovrai stamparlo (o scannerizzarlo) e reinviarmelo firmato via e-mail, appena lo riceverò ti invierò il contratto, che dovrai leggere attentamente e reinviarmi anch’esso firmato.

Puoi garantirmi la prima posizione su Google?

Nessuno può garantirti una cosa del genere.

Quello del posizionamento è un lavoro che va portato avanti giorno dopo giorno, quello che posso offrire io è un buon posizionamento ed una buona visibilità, i quali comunque vengono raggiunti con tanto lavoro nel breve e nel lungo termine. Non esistono formule magiche che permettono di far schizzare alle prime posizioni un sito web messo online oggi.

Puoi farmi delle modifiche?

Dipende da alcuni fattori.

Se parliamo di modifiche come sostituire una foto o aggiungere un testo non ci sono problemi, ma se le modifiche sono più sostanziali dovrò valutarle attentamente, perchè studiare, modificare il codice e fare quei cambiamenti che magari al cliente sembrano “visivamente” semplici, comportano ore di lavoro.

Mi sistemi un sito realizzato da un altro?

Quasi sicuramente no.

Posso mettere le mani su un sito realizzato da un altro soltanto se ha adoperato la stessa piattaforma che utilizzo io. Attualmente sul mercato esistono decine di piattaforme web, e non esistendo persona al mondo che le conosca tutte e che lavori contemporaneamente su tutte, non posso operare su un sito che non conosco.

Realizzi siti e-commerce?

Certo.

L’e-commerce è un sito ben più complesso di un tipico sito “vetrina” ed include l’aggiornamento dei prodotti, la manutenzione, le spedizioni e la sua continua e costante sponsorizzazione. Tutti questi elementi generalmente vengono gestiti dal cliente stesso o dal suo staff, oppure direttamente anche da me.

Nel caso in cui il cliente decida di gestire personalmente il suo e-commenrce, io inserirò solo una decina di prodotti di prova per testare il sito e verificare che tutto funzioni. L’e-commerce che consegnerò avrà un’interfaccia utente semplice ed intuitiva dalla quale sarà possibile caricare facilmente tutti i prodotti.

Collabori con qualcuno?

Assolutamente si, sia agenzie che liberi professionisti.

Nel mio lavoro le collaborazioni possono anche essere essenziali per raggiungere l’obiettivo del cliente e nello specifico mi trovo spesso a collaborare con programmatori, grafici, fotografi, video operatori ed analisti Seo.

L’unico patto col committente è che non pretenda che io rinunci alla paternità dell’opera, ciò significa che devo poter inserire i credits e mostrare il sito nel mio portfolio personale. Solo in casi particolari, da concordare con il cliente, sarà possibile stipulare un accordo di non divulgazione. In tal caso il costo della paternità dell’opera sarà calcolato nello specifico contesto.

Come funziona il pagamento?

Ho optato per due diverse modalità.

Nel caso di piccoli progetti il 100% dell’importo dovrà essere saldato alla consegna del sito.

Nel caso invece di progetti più consistenti, per dare il via ai lavori, insieme al contratto firmato riceverò il 50% della cifra pattuita ed il restante 50% alla consegna del sito. L’acconto del 50% non serve soltanto come garanzia, ma anche per coprire delle spese inevitabili nella progettazione di un sito web come ad esempio il dominio, lo spazio web hosting e le immagini.

I metodi di pagamento accettati sono il bonifico bancario, l’assegno o in alternativa PayPal.