Come ottimizzare le immagini in WordPress
siti web, e-commerce, seo, web agency, responsive, san benedetto del tronto, ascoli piceno, fermo, teramo, marche, abruzzo
4554
post-template-default,single,single-post,postid-4554,single-format-standard,bridge-core-2.1.3,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode_popup_menu_push_text_top,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-20.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive

Come ottimizzare le immagini in WordPress

Come ottimizzare le immagini in WordPress - Fabio Gasparrini siti web e SEO a San Benedetto del Tronto, Ascoli Piceno, Teramo e Fermo

Come ottimizzare le immagini in WordPress

Le immagini pesanti possono diventare un gran bel problema per i siti web, soprattutto perché vanno ad influire negativamente sui tempi di caricamento del sito stesso. E se questo non fosse già abbastanza, un sito lento influenza anche la SEO poiché potrebbe notevolmente aumentare la frequenza di rimbalzo e la lentezza potrebbe anche far spazientire i visitatori davanti allo schermo.

Sicuramente, le foto in un sito hanno un notevole impatto, motivo per cui è buona regola ottimizzare le immagini in WordPress prima di caricarle, il motivo poi si amplifica se possiedi un sito con centinaia o migliaia di fotografie, va da sè quindi che in questi casi più estremi, la loro ottimizzazione non è solo una buona pratica, bensì un obbligo vitale.

Se l’attesa del sito che si apra vi mette già un dubbio, una prova del nove da fare è testare direttamente la velocità del sito WordPress, di strumenti ne esistono a vagonate, uno dei migliori a mio avviso è Pingdom, nel quale basta inserire l’indirizzo, scegliere la posizione più vicina a quella del data center del tuo hosting e poi avviare il test.

I metodi per ottimizzare le immagini in WordPress

L’ottimizzazione delle foto può essere fatta sia manualmente che mediante plugin.
Partendo dal metodo manuale, iniziamo col dire che in primis è buona norma adoperare il formato immagine giusto, e nel caso del web, i due formati più usati in assoluto sono JPG e PNG, mentre una terza alternativa è il formato WebP.
Quest’utimo è un formato immagine web ideato da Google che offre dimensioni inferiori a qualsiasi altro formato esistente conservando però la qualità dell’immagine, Google stessa dice che un’immagine WebP può essere fino al 34% più piccola di un’immagine JPG e fino al 26% di un’immagine PNG.

Fatta questa premessa, passiamo ora all’ottimizzazione manuale della nostra immagine, per farlo, vi propongo ben 5 tools online fra cui scegliere:

Se invece preferite che sia un plugin a fare tutto questo lavoro sfruttando così l’automazione informatica, allora ve ne propongo uno che oltre ad essere gratuito a mio avviso è fra i migliori e si chiama WP Smush.
Una volta installato, dal suo pannello puoi monitorare la quantità di foto esistenti ed il risparmi complessivo dell’ottimizzazione che esso esegue.

Non ci sono commenti

Pubblica un commento