Gratis
siti web, e-commerce, seo, web agency, responsive, san benedetto del tronto, ascoli piceno, fermo, teramo, marche, abruzzo
-1
archive,paged,tag,tag-gratis,tag-56,paged-3,tag-paged-3,bridge-core-3.0.2,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode_popup_menu_push_text_top,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-28.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive

Gratis Tag

Per chi sviluppa e-commerce con WordPress in Italia, una delle necessità più richieste riguardo agli acquisti online è quello di avere a disposizione alcuni campi specifici durante la fase di checkout e, di conseguenza, nella gestione degli ordini del back-end. I due campi in questione vanno ad inserirsi in un contesto burocratico nazionale indispensabile, e sono il Codice Fiscale e la Partita Iva. Questa necessità oggi è stata soddisfatta dalla Softrade, azienda italiana che ha sviluppato un plugin free per WooCommerce chiamato

Adobe è senza alcun dubbio il leader indiscusso del mercato software per quel che concerne gli strumenti di elaborazione informatici, la sua Suite include decine di programmi tra cui scegliere per ogni settore lavorativo, e, fra questi uno dei più noti è Adobe Illustrator.

È un signor programma per realizzare grafiche vettoriali, su questo non si discute, ma, poichè la Adobe possiede quasi il monopolio del suo settore, per qualcuno il problema potrebbe essere il suo costo.

È per questo motivo che nell'articolo che segue troverete le migliori alternative ad Adobe Illustrator presenti sul mercato.

Sfatiamo un luogo comune, generalmente i grafici sanno il fatto loro e non hanno grossi problemi a realizzare da zero degli elementi digitali, ma per quanto bravo possa essere un grafico, su ogni lavoro che si rispetti incombono due fattori importanti: il tempo e il costo.

Realizzare un'icona o un set completo di icone, significa dedicare interi giorni (o settimane) di lavoro alla loro creazione e ciò va anche ad incidere notevolmente sul costo finale del cliente.

Ecco quindi spiegata la natura di questo mio articolo, spesso infatti per molti grafici è nettamente meglio attingere, per ragioni di tempi e costi citati sopra, a delle risorse online gratuite e realizzate in modo professionale da colleghi, le quali sono scaricabili ed utilizzabili anche per progetti commerciali.

Quanto a quest'ultima frase, è bene tenere a mente che la parola "free" ci piace per natura, ma anche se una risorsa non ha un costo, ciò non significa sempre che sia possibile prenderla ed usarla come si desidera. Molte volte infatti, per poter utilizzare gratuitamente tali risorse, dovete dare l'attribuzione al legittimo creatore. La licenza Creative Commons vi permetterà di capire se, come e quando farlo.

Oggi risorse gratis e per di più vettoriali per un totale di oltre 600 silhouette suddivise in categorie. Il link in basso vi porta al sito che, oltre a darvi un'anteprima dei vettoriali, vi permette di scaricarli inserendo il vostro indirizzo e-mail.

Dedicate a tutti i designer e non, direttamente dal sito Iconfinder la bellezza di 100.000 icone completamente gratuite da usare per i vostri progetti grafici, molte delle quali dotate anche di licenza commerciale.

Questo articolo segue e completa (almeno per ciò che riguarda l'inizio dell'attività di un libero professionista) quello scritto circa un mesetto fa inerente l’apertura della partita IVA.

Gestione separata INPS

Come citato sopra, la gestione separata è indispensabile in quanto equivale alla tutela previdenziale e pensionistica del libero professionista, di conseguenza, un web designer deve obbligatoriamente iscriversi alla gestione separata. Mentre chi appartiene alla normale cassa previdenziale (come gli artigiani) deve pagare all'INPS una cifra di circa €3.000 annui più il 20% sui guadagni (se supera un determinato massimale annuale), chi invece appartiene alla gestione separata, pagherà in proporzione ai propri introiti, ossia il 27,72% (per coloro che non sono assicurati con altre forme pensionistiche obbligatorie) e il 18% (per coloro che